La rottura scientifica dei piatti

In America tutto vuol essere scientificamente controllato. Hanno persino inventato uno strumento per misurare la resistenza delle porcellane: un peso, scorrendo lungo un quadrante graduato, urta da differenti altezze un piatto, finché questo si rompa, e vien così calcolato il suo “coefficiente di rottura”. Da noi lo strumento sarebbe perfettamente inutile: qui, per rompere le stoviglie, funzionano già perfettamente le nostre fantesche!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *